Chiesa di San Giovanni del Piezulo ex convento benedettino

                                        

       altare in marmo con dorsale in stucco                                                         

         La Chiesa di San Giovanni a Mare si trova nella parte occidentale della cittadina in prossimità del litorale in uno dei più bei luoghi di Minori. La chiesa, anticamente, era divisa in tre navate, sopra quattro colonne di marmo a lamìa e con cupola in mezzo, dove vi erano tre magnifici altari. La chiesa nel 1118 fu donata dal vescovo Stefano all’Abbazia di Cava della Santissima Trinità. Vi vennero così ad abitare i monaci “neri” e il priore per moltissimi anni. Venne consacrata nel 1144 dal vescovo minorese Costantino coadiuvato dagli Ordini di Scala e Ravello. Nel 1620 la piccola comunità monastica si estinse per esaurimento dei monaci neri. Dopo un periodo di abbandono e di degrado è stata restituita dai benedettini cavesi alla parrocchia di Santa Trofimena, che ha provveduto al restauro. Oggi la chiesa è diventata una cappella. E’ a pianta rettangolare, divisa in due strutture da un arco a tutto sesto che delimita la zona dell’altare da quella riservata ai fedeli, mentre la copertura è sostituita da due volte a botte di diversa grandezza. L’esterno presenta una comune porta su cui è situata una finestrella di forma ovaidale e più in alto una piccola apertura ad arco con una campana